Tag estivi

Lady Velyard mi ha nominata per due giochini divertenti!
Uno è sul tema libresco  {lanciato da Lettere d’Inchiostro}, e l’altro sul tema estivo {made in iris & periplo } stagione che contraccambia la mia nobile antipatia nei suoi confronti.
In entrambi in casi il mio pessimo gusto vi intratterrà i sei minuti necessari per la letturina di questo post!
Quindi GO!

#Icecreambook tag! Di cui penso mi approprierò mischiando pure i fumetti, ah.

  • Melone, “Un libro che hai già deciso di leggere durante l’estate”.
    “Sopra il mare sotto la terra” di Susan Cooper. Scritto negli anni Sessanta sono riuscita a recuperarlo dopo un po’ di speleologia libraria.
    La cosa spiazzante in realtà è che la Cornovaglia descritta in questo libro è la stessa  descritta da amici che ci sono andati in vacanza l’anno scorso.
  • Menta: “una serie che ti è entrata nel cuore”.
    Elfquest, una serie a fumetti di una certa età. È la mia serie  ‘gallina’: non ho mai capito se è la mia serie del cuore perché contiene uno sproposito di argomenti ‘miei’ o se sono diventati tali concretizzandosi man mano.
  • Limone: “una serie difficile da digerire”.
    Difficile nel senso che mi ha sconvolto o che semplicemente l’ho abbandonata poi su una bancarella? L’unica cosa che mi rende difficile qualcosa da leggere è la noia.
    Quindi ciao Anne Rice e le tue settordici pagine di pizzi, merletti, seghe mentali inutili, generici libri e fumetti esistenzialintimisti che non vanno da nessuna parte o le romanzazioni sterili di vecchi miti. Ma soprattutto Anne Rice.
  • Tiramisù: “un libro che ti ha tirato su di morale”.
    Non ho un libro solo ‘tira su il morale’, generalmente quella è la musica e il cinema. Ma quando ho letto “i coccodrilli hanno gli occhi gialli” – sì, ha la trama e i plot twist di una soap opera- diciamo che mi ha ‘tirato su di morale’ perché la madre protagonista è la copia sputata della mia, quindi in un mondo parallelo mia madre si merita di vivere a Parigi con un figone certificato dop e facendo un lavoro che le piaccia davvero.
  • Fiordilatte: “Un classico”.
    Ho un cattivo rapporto coi classici: me li hanno tirati dietro in tutti gli anni di scuola così, senza mai una spiegazione. I libri che leggevamo noi erano ovviamente del tutto diseducativi e stupidi perché non erano classici, o erano fumetti, cioè il Male. Addirittura ci fu una demonizzazione di Jurassic Park, nella mia classe… ma questa è un’altra storia.
    Quindi ecco il mio personale classicone “moderno”: Conan il barbaro.
    I classiconi classici: Iliade, il Cavaliere Verde, i racconti sparsi celtici e norreni.
    Per i fumetti: Little Nemo in Slumberland.
  • Fragola: “Un libro con una tenera storia d’amore”.
    Giuro che ci ho pensato un sacco e dopo aver ragionevolmente scartato quelle con una certa dose di insanità mentale mi sono ricordata di un libro letto un gozerlione di anni fa che si chiama “Storia di un amore straordinario” di Vallgren, la cui storia tra i due personaggi è il motore di tutta la trama. Avrei voluto inserire anche quella dell’ultimo dei Mohicani, ma non ricordo se è solo una scena del film quella del dirupo o c’è anche nel libro – che ho purtroppo letto solo versione ‘studentesca’ alle medie e non ho mai recuperato quella vera.
  • Cioccolato: “Un libro di cui aspetti il seguito”.
    Scontatamente, il Winds of Winter di Martin {ma tanto lo stiamo aspettando tutti con pazienza, anche se sospetto che più che scrivere WOW abbia giocato WOW, quindi non conta}… quindi facciamo del patriottismo lombardo:  ‘Demon Hunter Severian’ spero esca un due. O anche centoquarantasettordici prequel che parlano di Liathan da “Godbreaker”.
  • Caffè: “Un libro che ti ha fatto stare sveglio alla notte”.
    Che mi sono costretta a finire è stato “Più nero della Notte”, perché il lavoro mi ha distrutto tutto giugno ed ero troppo stanca per mettermi a leggere, ma volevo finirlo.


#Summer Tag 2015, o meglio: l’indagine statistica di quanti Nosferatu sopravvivono all’estate.

Abiti: tutoni, vestiti lunghi, pantaloni bracaloni. E sì, pure i jeans quando so che devo andare in luoghi climatizzati alla spot Kinder Pinguì per troppo tempo. Il mio problema in verità sono i capelli: li ho molto lunghi, modello medusa senza mai piegarli e devo ingegnarmi a tenerli su.

Calzature: Sandali, tennis e un po’ corazzate nel caso probabile in cui sto andando in posti impervi.
(La spiaggia non è un luogo impervio, ndr.)

Creme solari: non le uso perché non mi espongo al sole. Non mi scotto facilmente anche se sono bianchissima, ma io odio prendere il sole, odio camminarci in mezzo, odio il caldo e tutti i miei tragitti diurni si snodano nei coni d’ombra.

Piatto estivo: Tanta frutta, tanto gelato, tanta pita greca, birre frescoline, yogurtini, il polpettone di tonno…

Gelato preferito: non ne ho uno, io vado sempre a quelli strani. In una gelateria – fai da te e ho sperimentato il gelato lime con  praline al lampone e mi è valsa la medaglia d’oro del Coraggio.
Ed ora è la mia nuova dipendenza.

Canzone estiva: vieni a ballare in Puglia


Io taggo, ma ovviamente è solo pourparle, tre indomiti:

Romina , l’Argonauta & la Scribacchina.

Annunci

6 pensieri su “Tag estivi

  1. ladyvaleyard ha detto:

    Ahah, ho letto le tue preferenze e devo dire che non sono d’accordo su Anne Rice, o meglio, non su tutta la sua produzione: tende ad essere verbosa, questo sì, ma i suoi primi libri sono spettacolari. Poi sì, si è persa un po’ in trine e merletti! XD

    • Lo so, ma è colpa mia! Avevo cominciato a leggerli con lo sprint sbagliato: se su 350 pagine mi trovo parcheggiate 60 pagine di nulla che fa del nulla un drammone non ce la faccio y.y infatti anche i miei vampirli ne risentono, ne ho pochi così “cerebrali”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...