Solstizio d’Inverno

winter solstice

{China, acrilico bianco e copic su cartoncino grigio}

Come era successo per Halloween / Samhain, è arrivato il momento di un’altra illustrazione ‘a tema’ festività Ruota dell’Anno; si avvicina il solstizio d’inverno con tutte le ricorrenze ad esso collegate. L’iniziativa è di una mia amica che ha già postato il suo a tema Sol Invictus.
Io invece ho fatto una cosa più cupa con lo spettro dell’inverno ma ok.

I due solstizi erano osservati fin dall’antichità al punto che molti monumenti megalitici sono allineati in modo che il primo raggio del sole in quei due giorni sia rilevante all’interno del sito, come per esempio New Grange. I monumenti sono orientati astronomicamente anche nel medioevo, come le cattedrali.
Senza scomodare ufo, Misteri vari e “ommioddio ma qualcuno avrà dovuto spostare questi massi pesanterrimi!”, l’osservazione del moto cosmico serviva alle comunità di cacciatori seminomadi e di agricoltori sedentari per regolarsi la vita. Il solstizio d’inverno soprattutto è il giorno più corto dell’anno, e tutte le varie festività ‘luminose’ propiziatorie, compleanni divini compresi, cadono proprio in questo periodo.
Non è un caso per esempio che Santa Lucia cada proprio il 13 dicembre: il moto cosmico infatti prevede che le date solstiziali che vediamo si “spostino” sempre più in là, quindi almeno 2000 anni fa il solstizio cadeva attorno al 15 dicembre (infatti se andate a New Grange e siete fortunati a vincere la ‘lotteria’ per il biglietto magico che vi fa entrare proprio in questi giorni, vi diranno che sarebbe orientato con un raggio solare che cade proprio attorno al 15 dicembre).
Lucia > Luce > Solstizio, quindi la Santa è stata “appoggiata” sulla base di un folklore preesistente: la data canonica è rimasta, ma il solstizio ha trotterellato man mano spostandosi fino al 21 dicembre circa.
Lo stesso moto ha portato anche, in 2000 anni, la levata eliaca di Antares di Scorpione a spostarsi sempre più in là: alla comparsa di Antares infatti si festeggiava l’anno “nuovo” (succedeva attorno al nostro 31 ottobre), ma col passare del tempo ha portato la comparsa di Antares fino al 20/22 dicembre allineando casualmente i due eventi.

Spero di non aver scritto astrofisiche boiate, che io e la fisica non andiamo molto d’accordo nel momento della pratica.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...