“Shannara Chronicles”

Sto seguendo Shannara con la programmazione italiana. Un po’ perché non era una serie che aspettavo trepidante, un po’ perché obiettivamente in questi mesi poco o nulla possono gareggiare con Daredevil e Jessica Jones.
Non sono una lettrice di Brooks, ho letto credo un libro e spicci prima di lasciarlo dove stava quindi è probabile che mi piacciano cose che non esistono nei libri e viceversa. La serie è fantasy, la guardo con piacere e deve proprio fare schifissimo perché arrivi a troncarla di netto.

I pregi che ho trovato di questi primi tre episodi:

  • Begli effetti speciali, le lucine, paesaggi e i filtri colorati.
    Insomma, è tutto sparatissimo verdissimo magico naturale yeeeh.
  • Bei costumi, parrucchi e gioiellame vario.
    No davvero, sono molto carini. Mi piace che non siano così classici, molto particolari e futuribili.
  • Cavalli!

  • L’arredamento di scena.
    Sapevo che Shannara è ambientato “da qualche parte nel futurissimo”, ma mi piace che lo abbiano fatto vedere fin da subito coi vari pezzi di cose buttate nel nulla (la petroliera, l’elicottero, la sigla stessa…).
  • La percezione degli Elfi.
    Stando a quello che si vede, per gli elfi al di sotto dei 40 anni la magia non esiste: per loro è più normale che uno gnomo ti sventri che un druido entri a palazzo lanciando le guardie a starnuti. Questa cosa quindi che non si considerino mitologici li rende decisamente più materiali e veri al punto che il re e sua sorella sono gli unici elfi vecchi.
  • Target basso.
    È una serie fatta da Mtv, si indirizza ad un pubblico giovane che è cresciuto con il fantasy in tv e spero a questo punto che stia anche sulle mensole.
  • Cattivi supercafoni.
    No cattivi, No party.
    Ma assolutamente sportivi perché ti attaccano uno alla volta anche se si svegliano a fine episodio 1 e a minuto 15 dell’episodio due potrebbero già aver vinto.

E i difettucci:

  • Dialoghi pippa.
  • Situazioni a cazzo “perché sì”.
    Le cose sembrano procedere a copione di ciò che ci si aspetta da un fantasy, ma a questo ci arriviamo dopo.
  • Per Alannon tutto sta ‘ad una notte a cavallo’ di distanza.
    Deduco che se lui non si teletrasporta,  i demoni volano e per quanto ci sia poca densità abitativa tutti sono nella stessa foresta nello stesso momento, queste Quattro Terre assieme sono grandi più o meno come la Lombardia.
  • La prorompente inutilità della magia dei Druidi.
    Per fare le cazzate cafone tipo lanciare guardie, abbattere l’intonaco di una grotta, trovare il mezz’elfo biondo ok, Allanon diventa un turbo ninja. Ma per abbattere un demone volante si va di spada..? E tipo le sfere di fuoco la telecinesi le cose mistiche e kungfuiche di prima?. E poi fa il refill se ferito.
  • Le Lagne.
    Non importa se vengono presi prigionieri, legati ai cavalli, scappando da creature volanti indemoniate: è sempre il momento giusto per lagnarsi su quante aspettative di amicizia vengono disilluse da qualcuno che si conosce da due giorni, “papà non mi vuole bene”, “ma io mi fidavo di te”, “ah ma sei stronza, forse sì forse no”…
  • Il Tempo.
    Gli americani devono avere un problema coi periodi di tempo superiori a trent’anni. Pare che le vicende precedenti a questa serie non le conosca nessuno, a parte il re degli Elfi ed Alannon che ha dormito trent’anni. Tutti gli altri trattano le cose come se fosse mitologia vecchia di millenni, e non qualcosa come tipo potrebbe essere per noi un evento come la guerra del Vietnam. E soprattutto danno a Will, che è un montanaro dalle orecchie a punta delle pietre che brillano e si chiamano “pietre magiche” e non trova minimamente strana questa cosa, visto che la magia non esiste.

Poi in realtà c’è anche una cosa che mi lascia molto perplessa, ma in Shannara si vede solo in maniera più evidente in tv di tutti gli altri High Fantasy che si leggono.
Se c’è poca popolazione che usa i cavalli come forza trazione, una casa di legno a traliccio, nessuno sta arando dei campi e fuori dal palazzo degli Elfi e da casa di Will per il massimo dell’abitato umanoide che vediamo è questo…

shannara101_2899

Unità Cipolla Gigante abitativa del futuro.

E questo…

shannara-chronicles-1

Foresta, foresta, jeep, foresta, foresta, tendina nomade…

Tutta ‘sta roba chi diavolo la costruisce, se gli elfi si dividono in nobili, guardie mute e un botanico?

shannara-palace

Il Palazzo degli Elfi che è fighissimo.

Detto questo, riflettendoci su un pochino e leggendo alcuni commenti di telespettatori indemoniati sui social, ho intuito il problema.
Innanzitutto, ho visto che Shannara è stato presentato qua e là come “un fantasy come GOT” e/o ha deluso le aspettative di molti perché:

  • Ci sono gli Elfi come nel film di LOTR.
  • Che schifo gli elfi.” (giuro che dovete spiegarmi che problemi avete con gli elfi).
  • Ma non è come GOT, è per bambini.
  • Non rispetta i libri.
  • Ma è prevedibile.” (“perché sì”, sta arrivando)

Da questo ne ho dedotto che una parte molto larga del telespettatorato italico non è che non legge fantasy (se si descrive Shannara tipo GOT, non mi stupisco quando vedo che chiamate ‘pesce’ un delfino), non pensa nemmeno a usare Google per curiosità:

SHANNARA

Ne consegue che anche in Italia non abbiamo ben chiaro il tempo:
Tolkien, “Lo Hobbit” e “Il Signore degli Anelli”: 1939 – 1955 (poco dopo negli States).
Brooks: “Shannara” (1977– in corso).
Martin: Le Cronache del Ghiaccio e del Fuoco (1996 – in corso).

E soprattutto che fino a che il fantasy non approda su uno schermo i lettori sono sì un numero fedele (ma non abbastanza da essere ritenuto importante), ma che non va tanto più in là della zona confort. Se no non mi spiego perché settimana scorsa ho dovuto spiegare chi era R.E. Howard né perché in Vikings sembrano i Sette Regni.

Eccoci quindi al “Perché sì”.

Ora, io non ho letto questa parte di Shannara, quindi non so se la faccenda si stia davvero discostando dai libri. Ci sono però piccoli dettagli che mi sembrano forzare un po’ gli eventi, ma questo caso particolare per me passa in secondo piano perché Shannara è un titolo che ha 40 anni e 25 volumi: ha lo stesso problema che hanno avuto i telefilm Costantine e I Diari del Vampiro, quindi è normale che sia datato.
Mi spiego meglio: Shannara, Costantine e i Diari del Vampiro hanno in comune il fatto che sono arrivati sullo schermo molto dopo la loro nascita. Come ogni opera letteraria essi sono figli a loro volta del periodo in cui gli autori li hanno creati. Sono state opere di successo nel loro media, che ha portato alcuni di quei fan a creare a loro volta altre opere che contenevano elementi di fascinazione dalla saga-madre. Chi ha visto tutte queste altre opere quindi senza pensarci ha cominciato a incamerare lo stile, gli stereotipi, i tempi del genere.

Da ‘Costantine’ per esempio è derivato  in ultimo il telefilm di Supernatural. Nel momento in cui Costantine è diventato un telefilm ormai noi avevamo già visto 8 stagioni dei fratelli Winchester, quindi avevamo molta più familiarità con angeli, demoni e creature varie.
Dai diari del Vampiro si sono sviluppati una serie di cloni inenarrabili culminanti con Twilight, tanto che le due autrici arrivarono a vie legali – non so come poi sia andata a finire, so solo che hanno in ostaggio i vampiri da 25 anni.

Dopo decine di film fantasy, quelli del Signore degli Anelli, il telefilm su “La spada della verità”… ormai il telespettatore medio ha l’anticorpo al fantasy classico che invece nel 1977 non c’era. Forse erano gli anni Settanta e c’era più sperimentazione, al contrario adesso negli anni Dieci se non è un reboot diventa difficile riuscire a mettere assieme qualcosa?

Per ora so solo che Shannara è un telefilm caruccio, buon apparato visivo e lo guarderei anche se avessi 12 anni di meno. Spero non stia indispettendo i lettori, ma soprattutto visto il target che riporti su le letture.

Annunci

2 pensieri su ““Shannara Chronicles”

    • Lo spero anche io, perchè lanciarsi in una serie così lunga è ambizioso, soprattutto pianificando almeno un piano B nel caso gli ascolti non vadano come previsto.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...