“L’Odissea narrata allo sguardo”

80 pagine a colori, di Fabio Visintin.
Progetto in Crowdfunding aperto.

È possibile raccontare l’Odissea senza i versi di Omero?
Sì, e in una maniera stupenda e illustrata.

Tra una decina di giorni infatti si chiuderà la campagna di crowdfunding per questa ‘Odissea’: un volume di 80 pagine a colori che seguono le perioezie di Ulisse per il Meditterraneo, tra dee bellissime e viaggi per mare, che solo all’apparenza sembra piatto e infecondo.
I pacchettini offerti ai lettori sono particolarmente belli e, passatemi la parolaccia, ‘convenienti’. Molto bellino il ‘Pack 1’ che prevede due libri: l’Odissea e l’Artbook a 26 euro, mentre l’Odissea da sola sta sui 18 euro. Per un testo che dovrebbe essere obbligatorio per legge la presenza nella libreria di ogni casa, scuola e biblioteca non è male, anzi. Io sono molto attratta dall’Artbook perché le opere di Visintin sono meravigliose e il disegno che mi ha conquistata è stato il design di Ares e dei vari personaggi femminili: trovate tutto qui sulla pagina della Spaceman Project, coi video, gli schizzi preparatori, i regalini e le descrizioni. Si tratta di una piattaforma crowfunding proprio per fumetti.

Qua lascio un link a un video youtube che ho trovato (“Il regno di Fanes“), sempre di un lavoro del Visintin realizzato con la Giunti progetti educativi e in collaborazione con l’Istituto Culturale Ladino ‘Majon di Fascegn’ a proposito della leggenda del popolo di Fanes, mitologico popolo arroccato sulle Dolomiti che forma un importantissimo corpus mitologico, uno dei più antichi che ci sono arrivati; lo sto scartabellano anche io perché sì, adoro l’idea delle marmotte. le matite di Visintin danno un sacco l’idea delle foreste montane, quelle dense di aria fredda e bruma e i personaggi sono così belli che trasmettono molto l’idea di una mitologia fantastica  propria, che si riversa anche in questa Odissea dai video e dalle illustrazioni che ho visto: smettono di essere personaggi nebulosi e rarefatti e sono pieni, mediterranei e alpini e incarnano perfettamente il prototipo che rappresentano.

18409498

La copertina del libro sui Fanès della Giunti. Trovare questo libro è più mitologico del regno stesso. E io ho un tomo del 1948.

Con l’Odissea e Ulisse soprattutto ho un rapporto complicato: non credo esista in tutta la produzione millenaria di fantasia umana un personaggio che io detesti più di Ulisse. Ma proprio lo odio, non lo tollero, ogni capitolo dell’Odissea che leggevo era una sassata alla mia pazienza perché speravo sempre che venisse divorato da qualche mostro e tra i cinquanta abusivi a Itaca magari Penelope si trovava un buon partito. E invece no.
Per tanto questo dovrebbe far capire la statura di questo progetto visto che mi piace un casino perché è meraviglioso.

Poco più di dieci giorni e un traguardo bello importante.

©Immagini e contenuti qui spammati appartengono ai legittimi autori.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...